Regione Veneto

EMERGENZA CORONAVIRUS - AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Pubblicata il 15/01/2021

Emergenza Coronavirus
AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

MERCOLEDI' 20.01.2021
"La Gestione dei contatti di casi di Codiv-19 all' interno delle scuole e dei servizi per l' infanzia"

SABATO 16.01.2021
DPCM 14 gennaio 2021 (efficace dal 16.01.2021 al 05.03.2021)

Allegati al DPCM 14.01.2021

Il DPCM in pillole

Dalle 22.00 alla 5.00 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero motivi di salute.

E' vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra Regioni diverse.

Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri termali.

E' sospesa l'attività sportiva dilettantistica di base.

Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo.

Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche ed in altri spazi anche all'aperto.

Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all'aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose.

Sono vietate sagre, fiere ed altri eventi.

L'accesso dei parenti e visitatori alle strutture (RSA, hospice...) è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura

COMMERCIO

Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e parchi commerciali (ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, vendita di generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie).

ATTIVITA' SERVIZI DI RISTORAZIONE

Per le attività con codice ATECO 56.3 (BAR, PUB, BIRRERIE, CAFFETTERIE, ENOTECHE) e codice ATECO 47.25 (COMMERCIO AL DETTAGLIO DI BEVANDE, ALCOLICHE E ANALCOLICHE,  DA NON EFFETTUARSI SUL POSTO) l'asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.00.

Continuano ad essere consentite le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale.

STRUTTURE RICETTIVE

Le attività sono esercitate a condizione che sia assicurato il rispetto dei protocolli e linee guida adottati dalla Regione. 

_________ 

Consentite attività servizi alla persona. 

Chiusi gli impianti comprensori sciistici. 


VENERDI' 15.01.2021
D.L. 14 gennaio 2001 n. 2

Il Decreto in pillole

- prorogato fino al 30 aprile 2021 lo stato di emergenza

- confermato fino al 15 febbraio il divieto di spostamento tra Regioni o Provincie autonome diverse. 

Lo spostamento è consentito per
- esigenze lavorative
- motivi di salute
- necessità

E' sempre consentito il rientro alla residenza, domicilio, abitazione 

Misure in vigore dal 16 gennaio al  5 marzo
- dalle 5.00 alle 22.00  consentito spostarsi una volta al giorno verso un’altra abitazione privata, per un massimo di due persone. Non si conteggiano i minori di 14 anni, disabili e non autosufficienti.
- lo spostamento verso altra abitazione è permesso all’interno della Regione per la ZONA GIALLA
- lo spostamento verso altra abitazione privata in area ARANCIONE o ROSSA è consentito all’interno dei confini comunali
- per i comuni al di sotto dei 5.000 abitanti (anche se in zona arancione o rossa) lo spostamento all’interno dei confini regionali è  consentito, nel limite di 30 km, con esclusione dei capoluoghi di provincia

E' istituita una nuova area BIANCA in cui non si applicano le misure previste per le aree gialle, arancioni, rosse. Le attività si svolgono secondo specifici protocolli. Ciò non esclude che possano essere adottate specifiche misure restrittive con DPCM.


GIOVEDI' 14.01.2021
Comunicato stampa dell'Azienda Ulss 2 - MODIFICA ORARIO ACCESSO COVID POINT

Da lunedì prossimo, 18 gennaio, l’orario di apertura dei Covid Point dei Altivole, Conegliano e Oderzo, in ragione del minor afflusso di utenza registrato e delle temperature rigide dell’ultimo periodo sarà posticipato di un’ora.
Questi i nuovi orari dei tre Covid Point interessati dalla variazione:

ALTIVOLE - Ex Velo: dalle ore 8.00 alle ore 19.00

CONEGLIANO - Zoppas Arena: dalle ore 8.00 alle ore 19.00

ODERZO – Foro Boario: dalle ore 8.00 alle ore 13.00

Gli altri Punti Tampone ad accesso libero, così come quelli su prenotazione, manterranno orari invariati.


SABATO 09.01.2021

Ordinanza Ministro della Salute 08.01.2021 (efficace dal 10.01.2021 al 15.01.2021)

L'ordinanza in pillole: Il Veneto rientra nella fascia arancione.

Per conoscere le misure relative alla FASCIA ARANCIONE guarda le FAQ del Governo


MERCOLEDI' 06.01.2021
AVVISO relativo all’attività delle scuole superiori di secondo grado (Comunicato della Regione Veneto)

Si informa che l’ordinanza n. 2 del 4.1.2021, con la quale è stata disposta, in considerazione dello stato di diffusione nel territorio veneto del contagio da covid-19, l’applicazione della didattica digitale integrata al 100% della popolazione scolastica delle scuole superiori di secondo grado fino al 31.1.2021, rimane efficace pur a seguito dell’entrata in vigore del decreto legge n. 1 del 5.1.2020, che ha invece disposto che almeno il 50% della medesima popolazione scolastica svolge l’attività scolastica in presenza già a partire dall’11 gennaio 2021. La disciplina vale anche per le scuole non statali anche per la formazione professionale che svolgano cicli di secondo grado validi ai fini del percorso scolastico e formativo.
La perdurante efficacia è confermata dal comunicato del Ministero dell’Istruzione del 5.1.2020, con il quale il Ministero ha anticipato l’uscita del decreto legge dichiarando comunque salve le ordinanze regionali intervenute sulla tematica.

D.L. 5 gennaio 2021
Il Decreto Legge in pillole
COPRIFUOCO DALLE 22.00 ALLE 5.00.
Dal 7 al 15 gennaio 2021 divieto spostamento tra Regioni, salvo movimenti motivati da necessità, salute e lavoro. Consentito rientro alla residenza o domicilio.
Nei giorni 7 e 8 gennaio 2021 (fascia gialla): spostamenti liberi all'interno della Regione; negozi aperti; bar e ristoranti aperti fino alle 18.00 (asporto fino alle 22.00 - consegna a domicilio senza limiti di orario).
Nei giorni 9 e 10 gennaio 2021 (fascia arancione): divieto spostamento dal Comune, salvo movimenti motivati da necessità, salute e lavoro; negozi chiusi, bar e ristoranti chiusi (asporto fino alle 22.00 - consegna a domicilio senza limiti di orario.


LUNEDI' 04.01.2021

ORDINANZA PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N 2/2021 (didattica a distanza per gli Istituti di Istruzione secondaria di II° grado dal 07.01.2021 al 31.01.2021)

Allegato 1 - Linee guida gestione contatti di casi covid-19 nelle scuole e nei servizi all'infanzia


MARTEDI' 29.12.2020
Approvazione Protocollo d’Intesa per l’esecuzione di test antigenici rapidi in farmacia per la sorveglianza Covid-19

LUNEDI' 21.12.2020

Ordinanza Presidente Regione Veneto n. 171 del 21.12.2020  - Rientri dal Regno Unito e Irlanda del Nord

DOMENICA 20.12.2020

ORDINANZA MINISTERO SALUTE 20.12.2020 (divieto ingresso e transito di persone provenienti dalla Gran Bretagna e Irlanda del Nord)

CALENDARIO LIMITAZIONI

Prospetto delle limitazioni principali agli spostamenti ed alle attività nel periodo Natale 2020 - Epifania 2021

SABATO 19.12.2020

L'Ordinanza della Regione Veneto n. 169/2020 che prevede il divieto di spostamento dalle ore 14.00 dal proprio Comune è efficace da oggi 19.12.2020 e fino al 23.12.2020

A partire dal 24.12.2020 e fino al 06.01.2021 si applica quanto istituito con DL. 172/2020 (zone rosse e arancioni)

Decreto Legge n. 172 del 18.12.2020

Il Decreto Legge in pillole

ZONA ROSSA (24, 25, 26, 27, 31 dicembre 2020 e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021)

Consentiti spostamenti solo per motivi di lavoro, salute, necessità

Chiusi negozi, bar, ristoranti (consentito solo asporto e consegna a domicilio)

Aperti supermercati, edicole, tabaccherie, parrucchieri, barbieri

Dalle 5.00 alle 22.00 consentita visita a parenti ed amici (all'interno della Regione) 

Coprifuoco tra le 22.00 e le 5.00

ZONA ARANCIONE (28, 29 e 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021)

Consentiti spostamenti all'interno del proprio Comune

Aperti i negozi

Chiusi bar e ristoranti (consentito solo asporto e consegna a domicilio)

SLIDE DEL GOVERNO SULLE MISURE PREVISTE DAL DL 172/2020


VENERDI' 18.12.2020

Chiarimenti della Regione Veneto sull'ordinanza del Presidente della Regione n. 169/2020


GIOVEDI' 17.12.2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 169 del 17 dicembre 2020 (efficace dal 19 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021)
 
L'ordinanza in pillole
 
Spostamento tra Comuni
Dal 19 dicembre 2020 fino al 6 gennaio 2021, dopo le ore 14 non è ammesso lo spostamento in un comune veneto diverso da quello di residenza o dimora, salvo che per comprovate esigenze lavorative, per studio, per motivi di salute, per situazioni di necessita',
 

Spostamenti verso ristoranti
I ristoranti collocati in comuni diversi da quello di residenza o dimora possono essere raggiunti entro le ore 14; il rientro presso la residenza o dimora può avvenire anche oltre tale orario, a seguito della consumazione del pranzo


Spostamento relativo a minori
Sono sempre possibili gli spostamenti anche tra comuni per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé. E’ sempre possibile portare e recarsi a riprendere i minori.


Spostamento per matrimoni e funerali
E’ sempre possibile lo spostamento tra comuni per partecipare a matrimoni e funerali, da svolgere nel rispetto delle linee guida.


Orario raccomandato di accesso agli esercizi commerciali e ai servizi
Per ridurre i contatti e contenere gli assembramenti, si fa forte raccomandazione affinchè l’accesso agli esercizi commerciali e ai servizi del comune di residenza o dimora avvenga dopo le ore 14.

Autocertificazione

Per gli spostamenti effettuati dopo le ore 14 è obbligatorio indicare le ragioni e i luoghi degli spostamenti, anche in rientro, nell’autocertificazione conforme al modello statale

Appello dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche di Treviso

GIOVEDI' 10.12.2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 167 del 10 dicembre 2020

L'ordinanza in pillole

COMPORTAMENTO PERSONALE
⇒ Obbligo utilizzo mascherina al di fuori dell'abitazione (eccetto minori di 6 anni, coloro che fanno attività sportiva, soggetti con patologie o disabilità)
⇒ ATTIVITÀ MOTORIA E PASSEGGIATE devono essere fatte al di fuori di strade e piazze di centri stiorici, al di fuori di località turistiche (mare,montagna, laghi) e di aree solitamente affollate.
⇒ È fortemente raccomandato di non recarsi in nucleo familiare diverso dal proprio tranne che per lavoro o necessità


ESERCIZI AL DETTAGLIO
⇒ Negli esercizi di vendita alimentari è consentito l'accesso ad una persona per nucleo
⇒ Nei locali di commercio al dettaglio fino a 40 metri quadri è consentito l'accesso ad una sola persona
⇒ Nei locali sopra 40 metri quadri 1 cliente ogni 20 metri quadrati.

MERCATI
Mercato settimanale ammesso con apposito piano adottato dai sindaci.

SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IN ESERCIZI DI RISTORAZIONE E SIMILI
⇒ dalle 11 alle 15 la somministrazione avviene prioritariamente occupando posti a sedere, ove presenti, interni e esterni. In ogni caso riempiti i posti o in assenza di posti a sedere va rispettato il distanziamento interpersonale.
⇒ Dalle ore 15 servizio solo ai clienti seduti al tavolo.
⇒ La mascherina va usata sia in piedi che da seduti, salvo che per il tempo strettamente necessario alla consumazione.
⇒ Max 4 persone al tavolo, anche se conviventi
⇒ Esposizione del cartello con numero massimo persone ammesse nel locale, con divieto di far entrare nuovi clienti quando il limite viene raggiunto
⇒ Consumazione dell' asporto vietata nelle vicinanze dell'esercizio di vendita e nei luoghi affollati (salvo che per alimenti da consumare nell'immediatezza dell'asporto)

OVER 65
fortemente raccomandato a chi ha più di 65 anni l'accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture dalle ore 10.00 alle ore 12.00

L'ordinanza entra in vigore dalle ore 24 di venerdì 11 dicembre fino al 15 gennaio 2021.


SABATO 05.12.2020
Chiarimenti della Regione Veneto in merito al DPCM 3 dicembre 2020

GIOVEDI' 03.12.2020
DPCM 3 dicembre 2020
Allegati
D.L. 158/2020 - Divieto spostamenti nel periodo natalizio

Il Decreto Legge in pillole
Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato su tutto il territorio nazionale ogni spostamento in entrata ed uscita tra i territori di diverse regioni.
Nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è vietato ogni spostamento tra Comuni, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute.
E' comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione con esclusione delle seconde case ubicate in altra Regione e nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 anche ubicate in altro Comune.

VENERDI' 27.11.2020
ORDINANZA PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N. 159 del 27.11.2020

MERCOLEDI' 25.11.2020
ORDINANZA PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N. 158 del 25.11.2020

MARTEDI' 24.11.2020
ORDINANZA PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N. 156 del 24.11.2020 (efficace dal 26.11.2020 al 04.12.2020)
Allegato 1
Allegato 2


MERCOLEDI' 18.11.2020
L'Azienda Ulss 2 Marca Trevigiana ha emanato un bando relativo a
MANIFESTAZIONE INTERESSE PER L’INDIVIDUAZIONE DI OPERATORI ECONOMICI PER L’EVENTUALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ALBERGHIERO, PER LA DURATA DI 4 MESI, FINALIZZATO ALLA GESTIONE DELL’ACCOGLIENZA VOLONTARIA DI SOGGETTI RISULTATI POSITIVI PER COVID 19, AUTOSUFFICIENTI E ASINTOMATICI, DESTINATARI DI UN PROVVEDIMENTO DI ISOLAMENTO FIDUCIARIO DA PARTE DELLE AUTORITÀ SANITARIE.
Scadenza 20.11.2020
Scarica l'avviso pubblico
Scarica la manifestazione di interesse

MARTEDI' 17.11.2020
Come raccogliere e gettare i rifiuti domestici
Donazione Plasma Iperimmune - link al sito ULSS2
  /  Volantino di appello per la donazione del PLASMA

GIOVEDI' 12.11.2020

ORDINANZA PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N. 151 del 12.11.2020 ( efficace dal 14.11.2020 al 22.11.2020)


RACCOMANDAZIONI PER L'ISOLAMENTO DOMICILIARE PER I CASI CONFERMATI DI COVID-19 O PER I CONTATTI STRETTI
RECOMMENDATIONS FOR DOMESTIC ISOLATION  FOR CONFIRMED COVID-19 CASES OR FOR CLOSE CONTACTS
RECOMMANDATIONS POUR L’ISOLEMENT À DOMICILE POUR LES CAS CONFIRMÉS DE COVID-19 OU POUR LES PERSONNES CONTACT
针对新冠肺炎确诊患者和密切接触者的居家隔离建议

تايصوت ا ءانثأ لزنملا لزعل ي لل  تلااح ةدكؤملا ةباصلإاب COVID-19  وأ  مهل نيذلا صاخشلأاب لاصتا مكب برقم 

MARTEDI' 10.11.2020

SOSPENSIONE E RIORGANIZZAZIONE ATTIVITÀ SANITARIE
Prestazioni già prenotate: 
Sono garantite tutte le prestazioni prenotate nelle strutture non ospedaliere: poliambulatori, sedi ambulatoriali distrettuali, strutture private accreditate, ORAS.
Da martedì 10 novembre nelle strutture ospedaliere verranno garantite solo le prestazioni con priorità U (Urgente entro 72 ore) e B (Breve, entro 10 giorni),  le visite di controllo entro 10 gg, i percorsi materno-infantili (prestazioni in gravidanza e a carico dell’età pediatrica), i percorsi oncologici e le prestazioni inerenti la salute mentale, le prestazioni di radiologia ed oculistica. Gli utenti le cui prenotazioni verranno sospese riceveranno apposita comunicazione.
Sono garantite le attività chirurgiche indifferibili e le attività di screening oncologico
Sempre da martedì 10 novembre viene sospesa l’erogazione delle prestazioni prenotate in libera professione intramoenia: gli utenti le cui prenotazioni verranno sospese riceveranno apposita comunicazione.
 
Prestazioni prenotabili da martedì 10 novembre: 
Per le strutture ospedaliere, saranno prenotabili solo prestazioni ambulatoriali per visite ed esami diagnostici con classi di priorità U e B, le visite di controllo entro 10 gg, i percorsi materno-infantili (prestazioni in gravidanza e a carico dell’età pediatrica), i percorsi oncologici e inerenti la salute mentale, le prestazioni di radiologia e oculistica.
Per le strutture non ospedaliere l’attività di prenotazione rimane invariata.
Viene sospesa la prenotazione dell’ attività in Libera professione intramoenia
I prelievi sono garantiti ma esclusivamente previa prenotazione. Vengono accettati senza prenotazione solo gli utenti con impegnativa che riporta la richiesta URGENTE del prescrittore.


LUNEDI' 09.11.2020
Decreto Ristori bis: il CdM, per far fronte all'emergenza sanitaria, ha predisposto ulteriori misure in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori, alle imprese e alla giustizia:
Allegato 1 DL RISTORI BIS
Allegato 2 DL RISTORI BIS
Allegato 3 DL RISTORI BIS

SCHEDE RIASSUNTIVE redatte da ALI Autonomie Locali Italiane


Ricordiamo che il decreto in esame ha introdotto ulteriori misure urgenti per fronteggiare le conseguenze dell'epidemia da COVID-19, con un ulteriore stanziamento di risorse, destinato al ristoro delle attività economiche interessate, direttamente o indirettamente, dalle restrizioni disposte a tutela della salute, al sostegno dei lavoratori in esse impiegati, nonché con ulteriori misure connesse all’emergenza in corso.
Tra le novità delle misure introdotte ne segnaliamo alcune:
Contributi a fondo perduto
È stato previsto un ampliamento delle categorie di attività beneficiarie del contributo a fondo perduto previsto dal Dl Ristori n. 137/2020
Per alcuni operatori già beneficiari del contributo che registrano ulteriori restrizioni delle loro attività alla luce delle nuove misure restrittive nelle zone arancioni e rosse, il contributo è aumentato di un ulteriore 50%, ovvero per gli operatori dei settori economici individuati dai codici ATECO:

  • 561030 - gelaterie e pasticcerie, 
  • 561041 - gelaterie e pasticcerie ambulanti, 
  • 563000 - bar e altri esercizi simili senza cucina 
  • e 551000 - Alberghi con domicilio fiscale o sede operativa nelle aree del territorio nazionale, caratterizzate da uno scenario di elevata o massima gravità e da un livello di rischio alto, individuate con le ordinanze del Ministro della salute adottate ai sensi degli articoli 2 e 3 del dpcm del 3 novembre 2020.

Contributi per le attività con sede nei centri commerciali e per le industrie alimentari
È prevista la costituzione di un fondo per ristorare con un contributo a fondo perduto le perdite subite dalle attività economiche che hanno sede nei centri commerciali e per le industrie alimentari. Ovvero il contributo a fondo perduto di cui sopra viene riconosciuto nell’anno 2021 agli operatori con sede operativa nei centri commerciali e agli operatori delle produzioni industriali del comparto alimentare e delle bevande, interessati dalle nuove misure restrittive del dpcm del 3 novembre 2020, nel limite di spesa di 280 milioni di euro. Il contributo viene erogato dall’Agenzia delle entrate previa presentazione di istanza secondo le modalità disciplinate dal provvedimento dell’Agenzia delle entrate.
Credito d’imposta sugli affitti commerciali
Per le imprese che svolgono le attività che danno titolo al riconoscimento del nuovo contributo a fondo perduto (Allegato 2) e operano nelle aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto (zona rossa) individuate ai sensi dell’ultimo DPCM, nonché alle imprese che svolgono le attività di cui ai codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12, viene esteso quanto previsto dal primo decreto Ristori, prevedendo un credito d’imposta cedibile al proprietario dell’immobile locato pari al 60% dell’affitto per ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.
Sospensione dei versamenti
Per i soggetti che esercitano attività economiche sospese è prevista la sospensione delle ritenute alla fonte e dei pagamenti IVA per il mese di novembre.
Cancellazione della seconda rata dell’IMU
È prevista la cancellazione della seconda rata dell’IMU per le imprese che svolgono le attività che danno titolo al riconoscimento del nuovo contributo a fondo perduto e operano nelle Regioni caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto individuate ai sensi dall’ultimo DPCM, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività.
Sospensione dei contributi previdenziali
Per le attività previste dal decreto-legge Ristori che operano nelle zone gialle vengono sospesi i contributi previdenziali e assistenziali per il mese di novembre. Per quelle delle zone arancioni e rosse la sospensione è riconosciuta per i mesi di novembre e dicembre.
Rinvio del secondo acconto Ires e Irap per i soggetti a cui si applicano gli Isa
Nei confronti dei soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale e che operano nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto, viene disposta la proroga al 30 aprile 2021 del pagamento della seconda o unica rata dell’acconto di Ires e Irap.
Bonus baby sitter e congedo straordinario
Nelle regioni rosse nelle quali è prevista la sospensione delle attività scolastiche nelle seconde e terze classi delle scuole secondarie di primo grado viene previsto un bonus baby sitter da 1.000 euro e, nel caso in cui la prestazione di lavoro non possa essere resa in modalità agile, il congedo straordinario con il riconoscimento di un’indennità pari al 50 % della retribuzione mensile per i genitori lavoratori dipendenti.
Sostegno al terzo settore
Con un fondo straordinario viene previsto un sostegno in favore dei soggetti attivi nel terzo settore, organizzazioni di volontariato, associazione di promozione sociale e organizzazioni non lucrative di utilità sociale, che non rientrano fra i beneficiari del contributo a fondo perduto.
Sostegno alla filiera agricola, pesca e acquacoltura
È prevista la totale decontribuzione anche per il mese di dicembre per le imprese interessate dal primo decreto-legge Ristori, attive nei settori della filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura.
Potenziamento del sistema sanitario
Viene previsto l’arruolamento a tempo determinato di 100 fra medici e infermieri militari e la conferma fino al 31 dicembre di 300 fra medici e infermieri a potenziamento dell’INAIL.
Trasporto pubblico locale
La dotazione del fondo per il trasporto pubblico locale è incrementata di 300 milioni di euro per il 2021, 100 dei quali possono essere utilizzati anche per servizi aggiuntivi destinati anche agli studenti.


SABATO 07.11.2020
Circolare del Ministero dell'Interno sul DPCM 03.11.2020
FAQ DEL GOVERNO - Domande frequenti sul DPCM 03.11.2020

VENERDI' 06.11.2020
Chiarimenti della Regione Veneto sul DPCM 03.11.2020 (in attesa di circolare del Ministero dell'Interno)

GIOVEDI' 05.11.2020
Raccomandazioni per l'isolamento domicialire per i casi confermati di Covid-19 o per contatti stretti - Precisazioni dell' ULSS2

RECOMMENDATIONS FOR DOMESTIC ISOLATION  FOR CONFIRMED COVID-19 CASES OR FOR CLOSE CONTACTS

MERCOLEDI' 04.11.2020
MODULO AUTOCERTIFICAZIONE - DA UTILIZZARE PER GLI SPOSTAMENTI DALLE ORE 22.00 ALLE ORE 5.00
DPCM 03 Novembre 2020 (efficace dal 6 novembre al 3 dicembre 2020)
Le principali misure divise per aree (Il Veneto si trova in area GIALLA)

MISURE PER AREA GIALLA:

  • Vietato circolare dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità, salute.
  • Chiusura centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.
  • Chiusura musei e mostre.
  • Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per studenti con disabilità ed in caso di uso di laboratori.
  • Didattica in presenza per scuole dell'infanzia, elementari e scuole medi.
  • Riduzione fino al 50% trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.
  • Sospensione attività sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e nelle tabaccherie.
  • Chiusura bar e ristoranti alle ore 18.00. L'asporto è consentito fino alle ore 22.00. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
  • Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.
  • Restano aperti i centri sportivi.
  • Chiuse le università.

SCHEDE Autonomie Locali Italiane: Tutte le misure più restrittive per rispondere alla crescita dei contagi

Indicazioni per la durata ed il termine dell'isolamento e della quarantena - Ministero della Salute

LUNEDI' 26.10.2020
Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 145 del 26/10/2020

DOMENICA 25.10.2020
DPCM 24 ottobre 2020 (in vigore dal 26.10.2020 ed efficace fino al 24.11.2020)

Allegati al DPCM

Il DPCM in pillole

  • E' fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.
  • È fatto obbligo nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
  • è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti;
  • sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento;
  • sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto;
  • restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza. Sono vietate le sagre, le fiere di qualunque genere e gli altri analoghi eventi;
  • l'accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • sono consentiti i corsi abilitanti effettuati dalle autoscuole; è disposta la temporanea sospensione delle prove pratiche di guida;
  • l'accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

ATTIVITA' COMMERCIALI AL DETTAGLIO

  • È fatto obbligo nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
  • le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni; (locali con metratura fino a 40 mq. è consentita la presenza di un cliente e di due operatori; locali con metratura superiore a 40 mq gli accessi sono regolamentati in funzione degli spazi disponibili, differenziando ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita)

SERVIZI DI RISTORAZIONE

  • È fatto obbligo nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, ulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
  • le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00 (tutti i giorni); il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
FAQ DEL DIPARTIMENTO DELLO SPORT IN MERITO ALLE ATTIVITA' SPORTIVE (aggiornate al DPCM 24.10.2020)


VENERDI' 23.10.2020
Prefettura di Treviso - CIRCOLARE DEI SINDACI - Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19

GIOVEDI' 22.10.2020
Protocollo attuativo delle nuove linee guida per l'attività sportiva di base  e per l'attività motoria in genere redatto dal Dipartimento dello Sport  (22.10.2020)

DOMENICA 18.10.2020
DPCM 18 ottobre 2020  (efficace dal 19.10.2020 al 13.11.2020)
Allegato A

Il DPCM in pillole

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo

- resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze

- è fatto obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo


Allegati

Nome Dimensione
Allegato Autodichiarazione motivo tampone Covid.pdf 163.29 KB
Allegato modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf 626.96 KB

torna all'inizio del contenuto